29 febbraio 2012

Torta salata di scarole



Buongiorno!
Scusate se ogni tanto sparisco dal mio e dai vostri blog, ma ultimamente sono un po’ impegnata e non ho molto tempo.
Oggi torno con la ricetta di una torta salata presa dal ricettario Paneangeli, un pò modificata da me e mamma.

Ingredienti:
• 1 rotolo di pasta sfoglia
• 3 cucchiai di olio e.v.o. DANTE
• 1 spicchio d’aglio
• 350 g di scarola
• 4 filetti di acciughe sott’olio
• 50 ml di vino bianco
• 100 g di ricotta
• 2 uova
• 2 cucchiai di grana grattugiato
• 40 g di olive nere snocciolate
• sale
• pepe

Preparazione:
In una padella far soffriggere l’aglio nell’olio. Unire la scarola pulita e sminuzzata e le acciughe e farle saltare a fiamma vivace.
Sfumare con il vino e cuocere per una decina di minuti. Eliminare lo spicchio d’aglio.
In una ciotola sbattere le uova, unire la ricotta, il grana, la scarola e le olive tagliate a rondelle. Salare e pepare.




Mettere la pasta sfoglia in una teglia con la carta forno, punzecchiare il fondo con una forchetta e versare il composto. Livellarlo bene.
Ripiegare i bordi della pasta all’interno e punzecchiare con la forchetta.
Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti circa (regolatevi con il vostro forno).












Molto buona!!!
Vanessa

15 commenti:

  1. odoro questo genere di piatti una fettina la mangerei voletieri

    RispondiElimina
  2. Ciao Vanessa!!!!
    Ottima ricetta!!!
    Un bacio!!!

    RispondiElimina
  3. abbiamo postato entrambi torte salate... ti rubo la tua mi garba
    lia

    RispondiElimina
  4. Ciao Lory!...grazie!

    E io Lia vado a dare un'occhiata alla tua!!! ;) grazie!!!!

    RispondiElimina
  5. le adoro ste squisitezze brava!!!!! e tranquilla ogni cosa al suo tempo..

    RispondiElimina
  6. Le tue torte rustiche sono sempre così buone!!! COmplimenti anche alla mamma.

    RispondiElimina
  7. ne ho sempre sentito parlare ma non l'ho mai mangiata, deve essere deliziosa, un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Splendida Vanessa, quanto mi piace!!!

    RispondiElimina
  9. chissà il profumino che inebriava nella tua cucina... ne prenderei volentieri una fetta!

    baci
    terry

    RispondiElimina
  10. deve essere buonissssssssssima!brava Vanessa!

    RispondiElimina